Home»Cronaca»Lotta alla mafia in Capitanata, ma i cittadini non collaborano

Lotta alla mafia in Capitanata, ma i cittadini non collaborano

I cittadini sono assenti e non collaborano

Foggia – Un’altra brillante operazione delle forze dell’ordine contro la criminalità organizzata. Un altro colpo durissimo inferto alla mafia in Capitanata, diventata emergenza nazionale dopo l’omicidio dei fratelli Luciani.

Dopo gli arresti di alcuni giorni fa a Foggia, ora il blitz a Manfredonia che ha permesso di assicurare alla giustizia pericolosi criminali. Nella mattinata di ieri gli agenti della polizia del Servizio Centrale Operativo delle Squadre Mobili di Foggia, Bari e del Commissariato di Manfredonia, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. di Bari su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari, nei confronti di otto soggetti, alcuni dei quali legati alla criminalità garganica organizzata del gruppo mafioso dei Montanari.
Grande impegno di carabinieri e polizia, a cui va pieno riconoscimento di un lavoro egregio, svolto con grande professionalità e metodologia. Tuttavia si deve registrare anche un dato sconfortante: tutte le recenti operazioni sono frutto di un lavoro meticoloso degli inquirenti, che non hanno potuto contare sulla collaborazione di nessun pentito, affiliato ai clan, o di qualche cittadino.
Questo raddoppia la soddisfazione per le Forze dell’Ordine e la fiducia verso il loro lavoro, ma lascia perplessi perché senza un costante impegno civile e alta vigilanza dei cittadini tutto è più difficile.
La criminalità si combatte con le leggi e le Forze dell’Ordine, ma senza i cittadini, pronti a denunciare, si possono vincere battaglie, ma non la guerra contro le organizzazioni criminali.
0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Preso gruppo criminale garganico dedito al traffico di droga

Articolo successivo

San Severo, la Fontana di Piazza Incoronazione si è rifatta il look

Nessun commento

Lascia un commento