Home»Cronaca»I Carabinieri setacciano l’Alto Tavoliere: diversi arresti

I Carabinieri setacciano l’Alto Tavoliere: diversi arresti

Numerosi arresti in diverse operazioni di servizio

I Carabinieri della Compagnia di San Severo, unitamente a quelli dei contingenti della Compagnia di Intervento Operativo e delle aliquote di Supporto all’Arma Territoriale dell’11° Reggimento Puglia, hanno portato a termine un servizio di controllo straordinario del territorio che ha interessato l’alto tavoliere e parte del Gargano, in particolare il territorio del comune di San Nicandro Garganico.

Nel corso del servizio i militari hanno effettuato un appostamento nei pressi di un circolo privato della cittadina garganica, dove i carabinieri della locale stazione avevano notato un sospetto via vai. Dopo alcuni servizi di osservazione e monitoraggio, duranti i quali i carabinieri hanno avuto modo di osservare le abitudini e le “precauzioni” adottate dal titolare, è stata organizzata una perquisizione in orario serale, alla ricerca di stupefacenti. Personale in borghese si è quindi appostato nei pressi di finestre e ingressi, dai quali si poteva notare quanto avveniva all’interno, mentre un’altra aliquota in uniforme si è presentata all’ingresso del circolo. Il titolare allora, resosi conto dell’imminente controllo degli uomini dell’Arma, nel temporeggiare ad aprire, è stato visto nascondere alcuni pacchetti. Il movimento è infatti stato notato dai militari in appostamento all’esterno che, ed una volta entrati, hanno subito trovato quanto era stato nascosto. Sono così stati rinvenuti circa 35 grammi di hashish, già suddiviso in dosi, 12. di cocaina purissima, due bilancini di precisione utilizzati per pesare in dosi lo stupefacente e 1600 euro in banconote di piccolo taglio. Il titolare, VOCINO Giampiero, cl. ’83, incensurato, originario di San Marco in Lamis ma residente a San Nicandro Garganico, è quindi immediatamente stato dichiarato in arresto. Le successive analisi sullo stupefacente hanno evidenziato l’altissimo principio attivo presente. Da quanto sequestrato infatti, si sarebbero potute ricavare circa 200 dosi di hashish e 60 di cocaina, per un controvalore economico di almeno 5.000 e euro.

L’attività dell’Arma ha poi interessato anche l’alto tavoliere, in particolare San Severo, San Paolo e Serracapriola.

Nel corso del servizio è stata dedicata particolare attenzione al controllo sulle principali arterie stradali, anche a seguito dei terribili incidenti verificatisi nel corso del mese di agosto: 130 persone controllate, delle quali 31 con precedenti di polizia, 98 veicoli fermati, 26 contravvenzioni al codice della strada elevate per guida senza cintura e con telefonino, 5 veicoli sequestrati per mancanza di copertura assicurativa.

Ad arricchire ulteriormente il risultato dell’operazione, sono state diverse ordinanze detentive emesse dall’Autorità Giudiziaria ed eseguite dai Carabinieri.

A San Severo è stata notificata a GUERRIERI Ciro, cl. ’83, un’ordinanza di detenzione domiciliare per un anno e due mesi per il reato di spaccio di stupefacenti, mentre nei confronti di RIZZO Pietro, cl. ’43, già sottoposto ai domiciliari, a seguito delle reiterate segnalazioni per violazioni del regime cui era sottoposto, è stata disposta la traduzione al carcere di Foggia.

A san Paolo di Civitate è invece stata eseguita un’ordinanza di aggravamento nei confronti di BERARDI Antonio Luigi, cl. ’74, originario di Biella ma residente nella cittadina dauna. L’uomo si trovava infatti già sottoposto alla misura dell’obbligo di dimora per reati inerenti gli stupefacenti. Anche in questo caso i militari avevano più volte segnalato le violazioni commesse dall’uomo, nei cui confronti venivano quindi disposti gli arresti domiciliari.

Infine a Serracapriola è stata data esecuzione ad un ordinanza della detenzione domiciliari di anni 2 nei confronti di Di Cesare Massimo, cl. ’87, per il reato di violenza sessuale commessa a Campomarino.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Servizio anticaporalato: altre due denunce da parte dei Carabinieri

Articolo successivo

Ordine di carcerazione: la Polizia arresta due persone