Home»Cronaca»A Foggia l’automobile usata dalla scorta di Giovanni Falcone

A Foggia l’automobile usata dalla scorta di Giovanni Falcone

La “Quarto Savona Quindici”, l’automobile usata dalla scorta del giudice Giovanni Falcone al momento della strage di Capaci, arriverà a Foggia lunedì 9 maggio.

La “Quarto Savona Quindici”, l’automobile usata dalla scorta del giudice Giovanni Falcone al momento della strage di Capaci, arriverà a Foggia lunedì 9 maggio.

L’iniziativa, realizzata da Libera Foggia in collaborazione con la Questura di Foggia, rientra nel progetto “Sulla scorta degli uomini coraggiosi”. Si tratta di un progetto regionale che, in varie tappe, si pone l’obiettivo di ricordare la strage di Capaci, partendo dagli agenti pugliesi della scorta, Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani, e di lanciare spunti d’impegno nei vari territori toccati. Il progetto è attuato in collaborazione con l’associazione, “Nomeni”, fondata da Matilde Montinaro, sorella di Antonio. In tutte le città l’auto sarà collocata in un’area circoscritta da pannelli recanti la rassegna stampa dei giornali dell’epoca, dal pannello con l’indicazione della strada che l’auto percorreva e dell’orario dell’esplosione; inoltre, saranno esposte foto che riguardano la vita di Antonio, Rocco e Vito al di fuori dell’impegno come uomini della scorta, con lo scopo di dare un’idea di quella che è la “normalità” delle loro famiglie, dei loro affetti, delle loro passioni. Per la tappa di Foggia la “Quarto Savona Quindici” stazionerà presso la Caserma Miale di Piazza Italia (ex scuola di Polizia) e sarà visitabile per tutta la giornata.

La mattina, dalle ore 9.30 in poi, sarà dedicata alle scuole, con interventi di Libera e delle forze dell’ordine sul periodo delle stragi in Sicilia, sul lavoro di contrasto al crimine della Polizia e dell’antimafia sociale, provando a fare un parallelismo con la storia e la criminalità locale. L’iniziativa sarà inoltre arricchita dall’intervento di Matilde Montinaro e da un reading teatrale a cura del “Cerchio di Gesso”. La sera, alle ore 19, ci sarà un’iniziativa conclusiva, aperta alla cittadinanza, durante la quale ci si concentrerà maggiormente sull’attualità criminale e sulla situazione in provincia di Foggia. L’appello di Libera è affinché tutta la cittadinanza foggiana partecipi.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
1
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Scommesse clandestine on-line, perquisizioni anche a Foggia

Articolo successivo

“Vin’ a zappà”: da Borgo Turrito le famiglie riscoprono la poesia della terra