Home»Cronaca»Soldi in cambio di consulenze favorevoli: arrestato ingegnere

Soldi in cambio di consulenze favorevoli: arrestato ingegnere

E’ Giorgio Amatucci, 49enne di Ascoli Piceno, il consulente arrestato lo scorso 22 aprile dalla Guardia di Finanza: l’accusa, secondo quanto si apprende, è tentata induzione indebita atta a dare o promette utilità.

Nel dettaglio, l’ingegnere era stato nominato consulente dalla Procura di Foggia nell’ambito dell’inchiesta per la morte di un operaio di Lucera per una fuga di gas. Stando alla ricostruzione delle forze dell’ordine, coordinate proprio dalla Procura di Foggia, Amatucci avrebbe offerto al consulente di uno dei 6 indagati di esprimere un parere favorevole per il proprio assistito, in cambio ovviamente di denaro: 10 mila euro, che Amatucci ha intascato il 22 aprile scorso.

All’ingegnere, però, è andata male: il collega, infatti, aveva allertato la Guardia di Finanza, la quale ha teso una trappola ad Amatucci, bloccandolo subito dopo l’incontro, con il denaro ancora in tasca. Ai militari, Amatucci ha detto che quei soldi erano il compenso per un’altra consulenza. Ora l’indagato è ai domiciliari.

 

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Da Orsara di Puglia agli USA, Mike Scaparrotti nuovo Comandante Nato in Europa

Articolo successivo

San Severo, droga nella masseria: smantellata "narco-sala"