Home»Cronaca»Si finge elettricista per rubare un’automobile

Si finge elettricista per rubare un’automobile

La truffa è sempre dietro l'angolo: brutta avventura per una donna che aveva semplicemente bisogno di un elettricista

La truffa è sempre dietro l’angolo: brutta avventura per una donna che aveva semplicemente bisogno di un elettricista

Nella giornata di ieri, gli agenti della Polizia di Stato del Reparto Volanti della Questura di Foggia hanno tratto in arresto Alfio Angelo Diodoro Mazza, classe 1991, di Pescara, per furto aggravato di autovettura.

Verso le sei della mattina, su segnalazione della sala operativa degli allarmi satellitari che indicava le coordinate di un’autovettura  Ford Fiesta rubata a Montesilvano (PE) nella notte, gli agenti di pattuglia, si sono recati nella zona ove era stata segnalata la presenza dell’auto.

Non appena intercettata l’auto oggetto di furto con a bordo due uomini, hanno proceduto al controllo, fermando l’auto in Via Crispi.

Il conducente, sul momento, ha riferito che l’auto l’aveva presa in prestito da un’amica. In realtà le cose erano andate diversamente: gli agenti sono risaliti alla denunciante, la quale aveva già il sospetto di chi potesse aver rubato la sua auto.

Tempo addietro, infatti era scomparsa da casa della denunciante il doppione della sua auto, proprio quanto il soggetto fermato aveva svolto dei lavori da elettricista presso la sua abitazione.

Vistosi scoperto, il ladro/elettricista ha ammesso le sue responsabilità e, pertanto, è stato tratto in arresto e dopo le formalità di rito è stato associato presso la locale Casa Circondariale a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Il passeggero, non essendo coinvolto direttamente nel furto, è stato indagato in stato di libertà, perché nell’auto sono stati rinvenuti arnesi atti allo scasso.

L’autovettura rubata è stata restituita alla proprietaria.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Caritas cerca professionisti volontari

Articolo successivo

Ancora un duro colpo per la criminalità organizzata