Home»Cronaca»Furto aggravato di energia elettrica, arrestato 63enne

Furto aggravato di energia elettrica, arrestato 63enne

Individuato in una nicchia ricavata nella parete il contatore elettrico, sopra il quale era piazzato un c.d. super magnete che alimentava sia l’abitazione che un ex circolo di proprietà dell'uomo

A Zapponeta, è stato arrestato il 63enne M.M. per furto aggravato e continuato di energia elettrica. Nel corso di un predisposto servizio volto al contrasto di tale fenomeno, i Carabinieri della locale Stazione, hanno posto la loro attenzione in particolare nei confronti di un ex circolo di proprietà dell’uomo.

I Carabinieri quindi, notavano in una nicchia ricavata nella parete il contatore elettrico, sopra il quale era piazzato  un c.d. super magnete, verificando che quel contatore alimentava sia l’abitazione che l’ex circolo. Intervenuto personale della società elettrica, poteva constatare l’assorbimento di circa il 90% del servizio.

Magnete e contatore venivano quindi posti in sequestro e rimossi dal personale incaricato dalla società medesima. Il danno causato veniva stimato in circa 52.000 euro, solo nell’ultimo quinquennio.

In considerazione quindi della flagranza del reato di furto aggravato, dell’ammontare del danno causato nonché della personalità del soggetto, già gravato da precedente specifico, l’uomo veniva tratto in arresto per furto aggravato e continuato di energia elettrica e, al termine delle formalità, sottoposto alla misura degli arresti domiciliari in attesa di giudizio.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Sgomberato il Gran Ghetto di Rignano

Articolo successivo

Carnevale di Manfredonia, venerdì "Maddalena Via del Gusto"