Home»Cronaca»Flash mob, San Severo reagisce alla criminalità

Flash mob, San Severo reagisce alla criminalità

Ieri, secondo le stime degli organizzatori, erano almeno 5000 i cittadini che hanno partecipato per le vie della città al corteo

“La manifestazione FLASH MOB di ieri ha registrato uno straordinario successo di presenze ed adesioni, con una copertura mediatica senza precedenti ed un coinvolgimento totale delle istituzioni”.


Il Sindaco avv. Francesco Miglio ben sintetizza una giornata davvero molto particolare per la comunità sanseverese e di Capitanata, chiamata a raccolta dai cittadini stessi che hanno organizzato questo evento di protesta contro l’escalation della criminalità, con continui e ripetuti atti malavitosi commessi. Ieri, secondo le stime degli organizzatori, erano almeno 5000 i cittadini che hanno partecipato per le vie della città al corteo, ma probabilmente, secondo tanti e secondo alcune autorevoli testate giornalistiche, erano almeno il doppio, con punte di 10.000 nelle fasi culminanti del corteo e del momento conclusivo in Piazza Municipio dove è confluito un fiume umano di persone. Piazza Municipio stracolma, via Fraccacreta, Corso Vittorio Emanuele, Via Ripoli, Piazza della Repubblica, occupate da tanti altri cittadini che non sono riusciti ad entrare nella piazza dinanzi la Residenza Municipale. E poi le rappresentanze degli altri comuni, tanti tantissimi i sindaci, gli assessori, i consiglieri comunali delle altre città della provincia di Foggia. Citiamo in ordine sparso, nella speranza di non dimenticare nessuno, San Paolo Civitate,  Apricena, San Marco in Lamis, San Giovanni Rotondo, Casalvecchio, Foggia, Peschici, Lucera, Lesina, Poggio Imperiale, Rigano Garganico e la Provincia di Foggia. In particolare apprezzata da tutti la presenza del Sindaco di Peschici Franco Tavaglione, vittima solo pochi giorni fa di un gravissimo attentato di stampo intimidatorio.
“La partecipazione di Franco Tavaglione rappresenta un atto di grande coraggio e ci spinge ad andare avanti su questa strada di legalità e sicurezza – aggiunge il Sindaco Miglio – grazie di cuore agli organizzatori, ai cittadini, a tutti i mass media che hanno messo in evidenza lo stato di forte disagio sociale della San Severo laboriosa, attiva, per bene, che non vuole lasciarsi intimidire, che non vuole abbassare la testa, che vuole reagire di fronte alla criminalità. Desidero ringraziare pubblicamente tutti gli esercenti commerciali, tutte le serrande erano abbassate, tutti i negozi, le attività erano chiuse. E’ stato un gesto di grande amore verso questa città che non può passare inosservato, abbiamo scritto tutti insieme una pagina di grande civiltà, di coraggio, di unità. Tutti insieme ce la possiamo fare, possiamo riuscire a ridare la giusta dignità alla nostra terra, un territorio che non merita affatto di vivere nella paura e nel terrore. Tutti insieme ripartiamo, in attesa delle risposte che le Istituzioni daranno certamente in tempi rapidi, in ordine alle nostre richieste: un territorio più controllato e presidiato è quanto meritiamo e ci attendiamo” conclude il Sindaco Miglio.
San Severo, 10 marzo 2017

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Evade più volte dai domiciliari, in manette pregiudicato di Manfredonia

Articolo successivo

All'APS CREO "I luoghi dell'abbandono" Tra Fotografia e Pittura