Home»Cronaca»Evasione e ricettazione di auto: due arresti

Evasione e ricettazione di auto: due arresti

Ancora arresti da parte dei Carabinieri

Ancora arresti operati dai Carabinieri della Compagnia di Cerignola, che dall’inizio della settimana, grazie alla costante presenza di pattuglie sull’intero territorio di competenza, ha assicurato alla giustizia 11 malfattori per reati che vanno dalla rapina al furto, dallo spaccio di stupefacenti alla ricettazione.

Gli ultimi due a finire nella rete della giustizia sono stati GERVASIO TOMMASO, cl. ’92, e ZINGARELLI PIETRO, cl. ’96, entrambi cerignolani, il primo pregiudicato e il secondo con precedenti di polizia.
In particolare, i militari della Stazione di Cerignola nella nottata di venerdì hanno sorpreso Gervasio all’esterno della propria abitazione, in violazione delle prescrizioni imposte dalla misura degli arresti domiciliari cui è sottoposto dal mese di novembre quando, sempre i Carabinieri della Stazione, lo arrestarono per spaccio di marijuana. Il Gervasio, su disposizione del P.M. di turno, è stato risottoposto agli arresti domiciliari.
Zingarelli, invece, è stato tratto in arresto dai militari dell’Aliquota Radiomobile del NORM della Compagnia nella prima mattinata di venerdì, quando è stato sorpreso, insieme a due complici che sono riusciti, ma solo per ora, a dileguarsi, a bordo di un’auto e nella disponibilità di ulteriori due autovetture, tutte di provenienza furtiva, oltre che di 4 centraline, anch’esse risultate essere oggetto di furto. Infatti, da accertamenti effettuati nell’immediatezza, le tre auto, una Volkswgen Golf, una Peugeot 208 e una Citroen C3, sono risultate asportate la notte stessa a Termoli, così come le centraline. Zingarelli, che dovrà rispondere del reato di ricettazione, su disposizione del P.M. di turno è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Droga: due ragazzi in manette, uno di loro è minorenne

Articolo successivo

Aggredisce commessa a calci e pugni, ma viene arrestato

Nessun commento

Lascia un commento