Home»Cronaca»Evasione e resistenza a pubblico ufficiale: quattro arresti

Evasione e resistenza a pubblico ufficiale: quattro arresti

Maxi operazione garganica condotta dai Carabinieri ha portato all'arresto di vari pluripregiudicati

I Carabinieri della Stazione di Monte Sant’Angelo, in esecuzione di un ordine espiazione pena definitiva di quattro mesi di reclusione, hanno tratto in arresto il pregiudicato 44enne SILVESTRI Michele.
A carico dell’uomo, che vanta precedenti di polizia anche in materia di armi, le condotte contestate in questa circostanza riguardano i reati di minaccia grave continuata e danneggiamento, fatti commessi a Monte Sant’Angelo nel 2010, precisamente il 18 ed il 19 febbraio, nei confronti della propria ex compagna e della madre di quest’ultima. L’uomo è stato individuato nel centro garganico e, al termine delle formalità, sottoposto alla misura domiciliare per l’espiazione della pena. Il fratello del Silvestri, Biagio, venne assassinato nel 1998.

I Carabinieri della Tenenza di Vieste, invece, hanno tratto in arresto il pluripregiudicato 61enne SANTORO Emilio, sottoponendolo, su provvedimento dell’Autorità Giudiziaria, alla misura detentiva domiciliare. Resosi responsabile nel tempo di svariati gravi reati, l’uomo è oggi chiamato a rispondere di un’evasione commessa a Vieste nel 2008, a causa della quale, con provvedimento emesso gli ultimi giorni dalla Procura della Repubblica di Foggia – Ufficio Esecuzioni Penali, deve espiare una pena residua definitiva pari a sei mesi di reclusione. Al termine delle formalità, SANTORO Emilio è stato ristretto presso la propria abitazione a disposizione dell’Autorità Giudiziaria mandante.

Ancora i Carabinieri della Tenenza di Vieste, nel centro storico di quel comune, nel corso di un servizio condotto unitamente al personale della CIO “Puglia”, hanno tratto in arresto il 54enne pluripregiudicato CARPANO Pasqualino. L’uomo, arrestato lo scorso 9 maggio nel corso di un ampio servizio a largo raggio dagli stessi uomini dell’Arma per spaccio di sostanza stupefacente ed inizialmente condotto i carcere, a seguito di convalida era poi stato posto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione di Vieste. Ieri è stato sorpreso all’esterno del luogo dove deve espiare la misura, motivo per il quale, al termine delle formalità, è stato dichiarato in stato di arresto e tradotto presso il carcere di Foggia.

Infine, i Carabinieri della Stazione di Mattinata, unitamente ai colleghi dell’Aliquota Radiomobile del NORM della Compagnia di Manfredonia, hanno tratto in arresto il pluripregiudicato 46enne PRENCIPE Antonio Pio, già noto per essere stato vittima di tentato omicidio, e poi anche di un’ulteriore aggressione prima dell’udienza che aveva ad oggetto proprio quel fatto, episodi per i quali i Carabinieri di Manfredonia avevano arrestato sei persone. Una telefonata giunta durante la notte alla Centrale Operativa del Comando Compagnia di Manfredonia aveva segnalato la presenza dell’uomo nei pressi di un’abitazione, contro la quale era stato visto lanciare delle pietre, per poi tentare di scavalcarne la recinzione. Immediatamente gli uomini dell’Arma, già al corrente anche di una serie di dissidi in atto con un vicino per problemi di confine, sono intervenuti sul posto, sorprendendo il pregiudicato che, alla vista dei militari, ha subito preso ad oltraggiarli, arrivando persino a spintonarli all’atto del dovuto controllo. Vista la reazione, l’uomo è stato accompagnato presso gli uffici della Stazione di Mattinata dove, al termine delle formalità, è poi stato dichiarato in arresto per resistenza a Pubblico Ufficiale ed oltraggio, venendo infine tradotto presso il carcere di Foggia, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Detenzione di stupefacenti, resistenza a pubblico ufficiale e ricettazione: tre arresti

Articolo successivo

Stroppa verso i saluti? In corso le trattative sul suo futuro e quello dei rossoneri