Home»Cronaca»Estorsione ai danni di un imprenditore. Arrestate due persone

Estorsione ai danni di un imprenditore. Arrestate due persone

I due malviventi si sono presentati più volte nei pressi dell’abitazione dell’imprenditore, stazionandovi davanti, al fine di intimorire lui e i suoi familiari

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Foggia hanno dato esecuzione a un’ordinanza applicativa di misura cautelare della custodia in carcere emessa dal G.I.P. di Foggia su richiesta della Procura della Repubblica presso quel Tribunale, nei confronti di TROIANO Gianluigi, cl.’93, e LANGI Vincenzo, cl.’78, entrambi viestani, per i reati di tentata estorsione in concorso e, per il solo Troiano, ricettazione di un’autovettura rubata e danneggiamento.

Le indagini, condotte dal Nucleo Investigativo e della Tenenza di Vieste e coordinate dalla Procura della Repubblica di Foggia, sono partite nel mese di dicembre 2017, a seguito della denuncia da parte di un imprenditore di Vieste, dopo aver rinvenuto un cero votivo acceso su un mezzo di lavoro parcheggiato in un cantiere della sua impresa di costruzioni.

In breve tempo le investigazioni hanno permesso di accertare che era in atto, da parte del TROIANO e del LANGI, un tentativo di estorcere del denaro all’imprenditore impegnato in lavori edili nel comune di Vieste; i due, infatti, hanno posto in essere una serie di atti intimidatori volti a indurre la vittima in un tale stato di soggezione da costringerlo a pagare somme di denaro per poter lavorare tranquillamente e imporre un servizio di guardiania a mezzi e cantieri di lavoro.

Nel corso delle indagini si sono verificati anche altri episodi gravi di intimidazione ai danni dell’imprenditore e, anche in questo caso, le investigazioni hanno permesso di evidenziare la responsabilità a carico dei due indagati.

In particolare il TROIANO, utilizzando come “ariete” un’autovettura poi risultata rubata, si è scagliato nottetempo contro il cancello di casa dell’abitazione dell’imprenditore nonché sede dell’impresa edile, danneggiandolo seriamente, abbandonando poi il mezzo sul posto.

In un’altra occasione i due arrestati, LANGI alla guida e TROIANO in qualità di passeggero, a bordo di un’autovettura avrebbero anche tentato di investire l’imprenditore mentre passeggiava per Vieste con un amico, sfiorandolo alla schiena con lo specchietto retrovisore.

Infine i due si sono presentati più volte nei pressi dell’abitazione dell’imprenditore, stazionandovi davanti, al fine di intimorire lo stesso e i suoi familiari e avevano svuotato un secchio di cenere sull’impasto di cemento di un cantiere.

Un altro cero votivo uguale al primo è stato infatti collocato nei pressi dell’abitazione di un collaboratore della stessa impresa edile, e sono stati danneggiati tre mezzi di lavoro appartenenti ad una cooperativa che stava effettuando dei lavori di manutenzione della rete idrica in Vieste, ma parcheggiati all’interno di un piazzale di proprietà dello stesso imprenditore vessato.

Le risultanze investigative prodotte dai Carabinieri sono state immediatamente valutate dal Pubblico Ministero di Foggia che ne ha colto, grazie all’approfondita conoscenza delle dinamiche criminali del territorio, tutta la pericolosità e la necessità di porre un freno richiedendo al GIP l’emissione dell’ordinanza.

I due soggetti hanno agito infatti con determinazione, spregiudicatezza e al tempo stesso lucidità, segni inequivocabili di una grande capacità organizzativa e di una grossa “esperienza” criminale, come sottolineato allo stesso GIP nell’ordinanza.

Tutto questo avviene dopo un periodo di scontri all’interno delle compagini criminali locali, pertanto non si esclude che gli arrestati fossero inseriti in un contesto criminale più ampio, dal momento che a Vieste il fenomeno estorsivo è una piaga che caratterizza il territorio e si manifesta in particolare con l’imposizione della guardiania, come già emerso in diverse operazioni sfociate, recentemente, in condanne gravi che hanno riconosciuto anche l’aggravante del metodo mafioso.

I due indagati sono stati tratti in arresto e associati alla casa circondariale di Foggia.

Anche in questo caso, l’importante risultato è l’esito della straordinaria sinergia tra l’Autorità Giudiziaria e la Polizia Giudiziaria, nello specifico Carabinieri, ma anche del crescente rapporto di fiducia della gente verso le Istituzioni, a Foggia particolarmente coese in un’unica “squadra Stato”.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Foggia commissariato, il legale: “Era nell’aria, ma non cambia nulla”

Articolo successivo

Scoperta centrale di riciclaggio auto nelle campagne cerignolane