Home»Cronaca»Don Uva: Mistero sulla Vendita. I lavoratori scrivono a Papa Francesco

Don Uva: Mistero sulla Vendita. I lavoratori scrivono a Papa Francesco

I lavoratori del don Uva si sono rivolti a Papa Francesco chiedendo una sua intercessione affinchè si faccia chiarezza sugli innumerevoli misteri che avvolgono la vendita del Don Uva

I lavoratori del Don Uva si sono rivolti a Papa Francesco chiedendo una sua intercessione affinchè si faccia chiarezza sugli innumerevoli misteri che avvolgono la vendita del Don Uva.
La procedura, iniziata nel 2014 e che teoricamente si sarebbe dovuta chiudere con la presentazione delle offerte vincolanti il 12 febbraio 2016, è ancora aperta senza che nessuna informazione ufficiale sui papabili acquirenti, trapeli.

Ecco la lettera:

Sua Santità,
I lavoratori del Don Uva in amministrazione straordinaria Le chiedono di intervenire e far luce su un episodio sconcertante e preoccupante per chi, come noi, è fedele ai principi della Chiesa Cattolica e teme che per i suo valori.
Esiste forte e motivato il sospetto che direttamente o indirettamente sia presente tra coloro che hanno presentato offerta vincolante per l’acquisto del complesso di proprietà delle Ancelle della Divina Provvidenza, un fondo di investimenti Arabo.
Non è tollerabile che i principi Cristiani, fondamento ed essenza dell’opera di Pasquale Don Uva che nel 1922 ha fortemente voluto questa struttura dedicata al sollievo ed alla sofferenza dei Folli, al disagio dei più deboli, possano trasformarsi sotto l’egida della Religione islamica in qualcosa di diverso o in una mera operazione speculativa.
Il muro di silenzio intorno a questa vicenda, i documenti secretati, la totale mancanza di informazioni e trasparenza nella gestione di questa vendita sono fonte di preoccupazione estrema per gli oltre 1250 lavoratori e per le migliaia di persone che quotidianamente, nonostante le difficoltà economiche, trovano conforto e cura nella nostra stuttura.
Ormai non ci fidiamo più di nessuno. L’unica speranza è nella Sua attenzione a questa vicenda e nell’aiuto del Signore affinché il suo intervento possa far luce su quanto di mistico ed occulto accade nella vendita delle opere di chi ha dedicato la sua vita per i Folli e per i bisognosi di carità.

I Lavoratori delle opere di Don Pasquale Uva

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
3
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Circolo "Che Guevara": "Basta bugie sulla gestione del ciclo dei rifiuti a Foggia. L'Amiu ha fallito"

Articolo successivo

Al via la prima edizione di “Destinazione Futuro”