Home»Cronaca»Danneggiato irrimediabilmente il Trabucco di San Lorenzo

Danneggiato irrimediabilmente il Trabucco di San Lorenzo

Un vile gesto che colpisce tutta la comunità

Uno dei monumenti simbolo del Gargano, il Trabucco di San Lorenzo, è stato danneggiato irrimediabilmente. Il vile gesto è avvenuto nella notte tra l’1 e il 2 Novembre. A darne notizia è la pagina Facebook “La Rinascita dei Trabucchi Storici”.

“Da quando è tornato completamente operativo, il Giugno passato dopo opera di restauro, il trabucco storico di San Lorenzo ha divulgato e promosso la nostra peculiarissima cultura marinara e della pesca ospitando, durante la stagione estiva, circa mille persone che hanno imparato come un trabucco pesca, come viene costruito, qual è la sua storia, etc.

Tanti, tantissimi i bambini.

Nell’autunno e nell’inverno le visite sarebbero continuate, grazie alle collaborazioni già in atto con le scuole e con i tanti tour operator specificatamente interessati ai periodi di minor calca turistica per far vivere ai propri clienti (ovviamente di nicchia) quel turismo esperienziale del quale tanto oggi si parla. Sarebbe stata una delle tante occasioni per destagionalizzare (è così che si dice, giusto?).

Sarebbe, appunto.

Ieri notte, invece, a qualcuno è venuta la simpatica idea di irrompere nel trabucco per danneggiarlo (tagliando irrimediabilmente reti, cime che servono a manovrarle, danneggiando ciucci, parti strutturali, etc) con il chiarissimo intento di non far pescare più quel trabucco. Di renderlo inattivo e di impossibilitarlo ad ospitare chicchessia.

Ed ora si comincerà con le denunce alle autorità competenti, con l’ennesimo sbattersi per trovare i fondi per le opere di ripristino e riparazione, con la paura costante che la cosa si ripeta nel prossimo futuro (perché è la prosperità dei trabucchi, per qualcuno, il problema).

Il tutto, a poco più di un mese dalla scomparsa del Maestro Spalatro.

E niente, è così. Era giusto per ricordare ai nostri concittadini quanto vigliacca, meschina, arida e schifosa sia una parte della nostra comunità.”

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
1
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Fucacoste, che successo: turisti anche dal Giappone per assistere alla notte dei falò

Articolo successivo

Campi Diomedei, Landella insiste: "Sono stati i 5 stelle a fare pressioni sulla soprintendenza"