Home»Cronaca»Controllo del territorio: in manette due pregiudicati

Controllo del territorio: in manette due pregiudicati

Incessante e capillare l’attività di prevenzione e controllo del territorio da parte del Commissariato P.S

Nella serata del 20 novembre, a San Severo, la Polizia di Stato ha tratto in arresto un cittadino rumeno in esecuzione di un mandato di arresto europeo, emesso nel 2013 dalle Autorità rumene.

Nello specifico, alle 20:00 circa, Agenti del Reparto Prevenzione Crimine, durante il servizio di controllo del territorio, hanno fermato un veicolo che destava sospetto; il conducente era sprovvisto di documenti di identità e di patente di guida. A richiesta degli Agenti, lo stesso ha fornito le generalità, poi risultate false; a seguito di rilievi foto-dattiloscopici, è emersa la reale identità del soggetto, tale C.M., classe 1972, domiciliato a San Severo con numerosi precedenti penali e di polizia.

Peraltro, da approfonditi accertamenti nella Banca Dati Schengen, il predetto è risultato ricercato per Mandato d’arresto europeo per motivi di ordine e sicurezza pubblica.

Il C.M. è stato quindi tradotto presso la Casa Circondariale di Foggia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, nonché denunciato in stato di liberta’ per il reato di false attestazioni a pubblico ufficiale.

Sempre a San Severo, nel pomeriggio del 21 novembre, due equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine hanno arrestato C.M., sanseverese, classe 1970, pluripregiudicato per numerosi reati contro il patrimonio, oltraggio e resistenza a p.u., estorsione, porto abusivo di armi e per reati in materia di sostanze stupefacenti.

Nello specifico, alle ore 14:00 circa, gli Agenti hanno proceduto ad un controllo del predetto soggetto, sottoposto alla misura della detenzione domiciliare, allo scopo di accertarne la presenza, trovandolo sull’uscio della propria abitazione.

Gli equipaggi operanti hanno notato la presenza di alcuni apparecchi di video sorveglianza, posti lungo il perimetro dell’edificio, ad ogni angolo; entrati nell’appartamento, hanno verificato che le telecamere trasmettevano in tempo reale le immagini su un monitor, acceso all’atto del controllo e situato nel salotto, per monitorare la presenza di persone all’esterno.

All’interno dei locali, su un tavolino, inoltre, gli Agenti hanno subito notato una grossa busta in cellophane trasparente, contenente sostanza simile alla marijuana.

Pertanto hanno proceduto a perquisizione locale e personale, rinvenendo 41 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana, un coltello a serramanico con evidenti tracce di sostanza stupefacente nella parte della lama e due sacchetti in cellophane trasparenti con ritagli circolari finalizzati al confezionamento delle singole dosi, occultati in locali adibiti a scantinato.

In un cassetto della camera da letto è stato trovato un foglio su cui erano indicati decine di nomi di persona con diverse cifre e con scritte “pagato” o “acconto pagato”.

Nella camera da letto sono stati, inoltre, rinvenuti n. 5 apparecchi ricetrasmittenti integri e perfettamente funzionanti.

Tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro e il C.M. tratto in arresto a disposizione dell’A.G.

Incessante e capillare l’attività di prevenzione e controllo del territorio da parte del Commissariato P.S. di San Severo, anche grazie all’impiego dei Reparti Prevenzione Crimine aggregati; la costante presenza degli equipaggi permette anche di attenzionare soggetti di spiccata capacità delinquenziale, consentendo di assicurarli alla giustizia e di aumentare la percezione di sicurezza tra i cittadini

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Bari-Foggia: il Questore ci ripensa, 1300 tagliandi per i tifosi rossoneri

Articolo successivo

Istruzione, presentato al Liceo Marconi il percorso biomedico