Home»Cronaca»Cane precipitato dal balcone. Associazione Guerrieri con la coda: “Morto grazie allo Stato, chiederemo giustizia”

Cane precipitato dal balcone. Associazione Guerrieri con la coda: “Morto grazie allo Stato, chiederemo giustizia”

Increscioso episodio ieri sera accaduto in Via Dante, quando un beagle femmina è precipitato nel vuoto, caduto dal cornicione di una palazzina a due piani.

Increscioso episodio ieri sera accaduto in Via Dante, quando un beagle femmina è precipitato nel vuoto, caduto dal cornicione di una palazzina a due piani. Soltanto il giorno prima il cane era stato tratto in salvo dai vigili del fuoco mentre passeggiava sul cornicione.

Ecco il commento di Anna Rita Melfitani, presidente dell’Associazione “Guerrieri con la coda” in merito al tragico evento.

FOGGIA 28/03/2018 ORE 18:00 VIA DANTE.
CRONACA DI UNA TRAGEDIA ANNUNCIATA.
Questo cane è morto grazie allo Stato italiano, rappresentato dalle forze dell’ordine foggiane. Tutte competenti in materia di animali e non come dichiarano loro “NON È COMPETENZA NOSTRA!” Loro che dovrebbero tutelare gli indifesi…. Da più di 15 giorni questo povero cane, altri 2 cani e 5 gatti erano stati abbandonati a se stessi su un terrazzo nel pieno centro di Foggia. Tutto il vicinato indignato aveva segnalato tale scempio, ma senza avere nessun riscontro positivo a riguardo, fino ad arrivare a tale disgrazia che oggi ci fa capire la situazione indecorosa della città di Foggia verso il mondo animale. Non tralasciando nemmeno le responsabilità verso questi animali all’amministrazione comunale foggiana, che a distanza di due anni non riesce a metter su un canile. Un canile che dovrebbe ospitare gli animali che vivono delle crudeli realtà sulla loro povera pelle martoriata. Infatti ogni qualvolta si presenta una situazione del genere gli organi competenti non vogliono intervenire perché alla fine non sanno dove far ospitare in modo decoroso gli animali tolti da situazioni incresciose o dalla strada.
Il 27/03/2018 il cane che vedete in foto camminava sul cornicione della palazzina che lo teneva prigioniero. Sul posto era presente una volontaria dell’associazione Guerrieri con la coda Rosa Santamaria, che con mille telefonate a polizia locale, carabinieri e polizia è riuscita a far arrivare solo i vigili del fuoco, che hanno fatto rientrare il cane all’interno del terrazzo. I vigili del fuoco anche loro chiamavano la polizia, ma con una risposta negativa. MA SI SA TANTO A FOGGIA GLI ANIMALI NON VALGONO NEMMENO ZERO!!
Ieri sera per far recuperare gli animali detenuti da una donna che ha solo saputo dire “È STATA UNA DISGRAZIA!” senza versare nemmeno una lacrima, abbiamo dovuto urlare come pazzi. La cosa che mi fa star male è che io e Terry Marangelli saremmo arrivate sul posto per salvarli tutti nel pomeriggio, ma lui è volato via prima. Sul posto è arrivata Luisa la Manna che ha cercato di rianimarlo in tutti i modi, è morto tra le braccia di Luisa e Rosa.
Chiederemo giustizia per il nostro angelo in tutti i modi e che la sua morte possa darci la forza di andare avanti in una società senza scrupoli. Gli animali salvati saranno seguiti da noi.
VI PREGHIAMO DI NON ADDITARCI E NON COLPEVOLIZZARCI, LA COLPA NON È NOSTRA!

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Foggia-Pro Vercelli, le probabili formazioni

Articolo successivo

La mia chitarra? Un "passaporto": storia di Andrea Roberto

Nessun commento

Lascia un commento