Home»Cronaca»Lungo e pericoloso inseguimento

Lungo e pericoloso inseguimento

Ennesimo blitz nei confronti di braccianti: tentata la fuga, riusciti due arresti

Ennesimo blitz nei confronti di braccianti: tentata la fuga, riusciti due arresti

Prosegue in autonomia da parte delle Compagnie, dopo il servizio coordinato disposto dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Foggia, la caccia ai furgoni dei “caporali”.

Lo scenario è sempre lo stesso: un furgone Ford Transit, con i sedili sostituiti da panche per aumentarne la capienza, stipato di migranti che all’imbrunire fa ritorno verso Borgo Mezzanone dopo una giornata di lavoro nei campi. Questa volta è toccato ai Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile del NORM della Compagnia di Cerignola intercettarlo lungo la SP77, la strada provinciale che da Cerignola porta a Manfredonia, e che per i migranti è la via del rientro a Borgo Mezzanone.

I militari, notato da lontano il mezzo sovraccarico di persone, hanno intimato l’alt. L’autista, invece di arrestare la marcia, come spesso accade in questi casi ha accelerato l’andatura, svoltando proprio verso Borgo Mezzanone, e poi ancora verso Orta Nova, innescando un pericoloso inseguimento durato oltre 10 chilometri. Improvvisamente, avendo capito di non poter sfuggire, il mezzo si è arrestato e tutti gli occupanti si sono fati alla fuga a piedi per le campagne circostanti. I due Carabinieri della pattuglia, nell’impossibilità di poter rincorrere tutti, si sono concentrati sui due che erano seduti nei posti anteriori, individuati quindi come possibili “caporali”, riuscendo a raggiungerli e a bloccarli, ma sono al termine di una breve colluttazione. I due uomini, un trentenne del Gambia e un trentaseienne del Mali, entrambi senza fissa dimora sul suolo nazionale, anche se di fatto domiciliati nell’area dell’ex aeroporto, sono stati tratti in arresto per resistenza a pubblico ufficiale. Uno dei due, l’autista del mezzo, è risultato sprovvisto di patente di guida, mentre il furgone era privo di copertura assicurativa e delle condizioni minime di sicurezza, attese le modifiche effettuate all’interno del cassone.

I due, su disposizione del P.M. di turno, sono stati associati presso la Casa Circondariale di Foggia, misura poi confermata dal Giudice competente a seguito della convalida dell’arresto.

Sono ora in corso ulteriori accertamenti al fine di risalire a loro eventuali responsabilità per tutto ciò che concerne il reato di intermediazione illecita  e sfruttamento del lavoro.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

L'Acquedotto Pugliese interviene in merito alla questione balneazione

Articolo successivo

Amazon, l'ascesa anche in Borsa