Home»Cronaca»Botte e insulti all’anziana madre, arrestato 46enne

Botte e insulti all’anziana madre, arrestato 46enne

Lucera, aggrediva l'anziana madre con calci e pugni

I Carabinieri della Compagnia di Lucera hanno tratto in arresto un 46enne del posto, Luciano Ferraraccio, già gravato da precedenti penali e di polizia, responsabile del reato di maltrattamenti in danno di familiari.

Il provvedimento è stato disposto con ordinanza del Giudice per le Indagini Preliminari di Foggia, al termine di un’attività di indagine avviata dai militari della Stazione di Lucera nel mese di ottobre 2016, a seguito di una disperata richiesta di aiuto pervenuta dall’anziana madre del Ferraraccio.

I militari dell’Arma, decisi nel dare una concreta risposta alla 79enne, ormai sfinita dalle violenze subite per mano del figlio, hanno sviluppato l’indagine acquisendo documentazione sanitaria e ascoltando numerosi testimoni. Gli elementi raccolti hanno consentito di cristallizzare una vicenda squallida e dolorosa.

I Carabinieri hanno infatti potuto accertare come il 46enne, a far data dalla morte del padre, ha avuto condotte violente nei confronti della madre. Dagli insulti (la donna veniva spesso minacciata con frasi del tipo “Ti ammazzo! Vai via di qua altrimenti ti uccido!” o “Fai schifo, prostituta!”) il Ferraraccio è poi passato alle vie di fatto, aggredendo fisicamente la donna con calci e pugni e minacciandola con una mazza di legno.

L’anziana donna, ormai costretta ad una convivenza quotidiana caratterizzata da violenza e prevaricazione, si è vista addirittura costretta ad abbandonare la propria abitazione a seguito dell’ennesimo episodio di violenza, trovando riparo in quella di altri familiari. A questo punto, ormai sfiancata, ha rivolto la propria richiesta di aiuto all’Arma dei Carabinieri, che ha condotto al provvedimento odierno.

Il Ferraraccio è stato così rintracciato dai Carabinieri, che hanno proceduto a svolgere gli accertamenti di rito e a dichiararlo in stato di arresto.

L’uomo si trova attualmente ristretto, in regime di arresti domiciliari, presso una comunità di recupero di un’altra regione, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria foggiana.

 

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Grossa nube di fumo visibile da diversi punti della città

Articolo successivo

Ultim'ora- Agguato- due morti in pieno centro a San Severo