Home»Cronaca»Si schianta contro un’auto e aggredisce i carabinieri: arrestato

Si schianta contro un’auto e aggredisce i carabinieri: arrestato

Questa mattina, un uomo di Margherita di Savoia è stato arrestato, dopo aver aggredito le forze dell'ordine

Questa mattina, un uomo di Margherita di Savoia è stato arrestato, dopo aver aggredito le forze dell’ordine

Erano le prime ore del mattino, quando un trentenne del posto, Nicola Enrico Maria Di Lernia, classe 1985, a Margherita di Savoia, in questo periodo gremita di turisti, in pieno centro, si è schiantato a 120 km/h contro un’autovettura in sosta.

Giunta sul posto per aiutarlo e fare i rilievi del caso, una pattuglia di Carabinieri della locale Stazione, coordinata dalla Compagnia di Cerignola, è stata aggredita in malo modo dall’uomo. Lo stesso, sprovvisto di patente perché sospesa, e di assicurazione, nonostante le ferite riportate, per cui necessitava di un ricovero presso il reparto di ortopedia dell’ospedale di Barletta, invece di farsi aiutare dai militari, preso dai fumi dell’alcol e degli stupefacenti, dapprima ha minacciato ed offeso gli operanti, subito dopo si è avventato contro gli stessi, venendo immediatamente bloccato e dichiarato in stato di arresto.

Lo schianto, ripreso dai sistemi di videosorveglianza di alcuni esercizi pubblici, ha lasciato a bocca aperta i militari: il filmato mostra chiaramente la velocità folle a cui l’uomo, in una strada centralissima della cittadina, viaggiava, rischiando seriamente di investire qualcuno, cosa che, fortunatamente non è accaduta.

L’uomo, sottoposto agli arresti domiciliari presso l’ospedale di Barletta per resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento, è stato anche deferito in stato di libertà per guida sotto l’effetto di stupefacenti e sostanza alcoliche.

 

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Si inaugura il Museo Francoprovenzale

Articolo successivo

San Marco in Lamis ricorda i fratelli Luciani