Home»Cronaca»Arrestato a Barletta latitante foggiano

Arrestato a Barletta latitante foggiano

I Carabinieri erano sulle sue tracce da circa un mese e mezzo

I militari della Compagnia di Barletta, unitamente a personale della Stazione Carabinieri di Orta Nova (FG), hanno arrestato in una camera d’albergo di Barletta il catturando R.L., 42enne, nativo di Foggia ma residente a Orta Nova, con precedenti penali. I Carabinieri erano sulle sue tracce da circa un mese e mezzo ossia da quando era sfuggito alla cattura in quanto destinatario di un ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali di Foggia, dovendo scontare nove mesi di reclusione per varie condanne inerenti la violazione della sorveglianza speciale di p.s. e furti.

All’albergatore, per registrarsi, l’uomo aveva fornito un documento d’identità falso, risultato oggetto di smarrimento. Al momento dell’arresto il catturando era nella camera d’albergo in compagnia della moglie e non ha opposto alcuna resistenza.

R.L. è noto alle cronache giudiziarie in quanto facente parte di un sodalizio criminale con base ad Orta Nova e nell’intera provincia di Foggia, specializzato nei furti in appartamento, rapine ed estorsioni, spaccio di stupefacenti ed armi, scoperto e smantellato dai Carabinieri del Comando Provinciale di Foggia nel marzo del 2017 nell’operazione Octopus che ha portato all’arresto di 15 persone. In quell’indagine R. risultava il leader del sodalizio criminale tra i cui componenti figuravano, con un ruolo di primo piano, F.G. e il fratello A., elementi di spicco dell’omonimo gruppo criminale operante in Orta Nova. Dopo la notifica del provvedimento, R.L. è stato condotto presso la Casa Circondariale di Trani (BT) dove, oltre a scontare la pena, dovrà rispondere del reato di ricettazione e possesso di documenti d’identità falsi.

barlettalive.it

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Scarichi e fanghi abbandonati a ridosso del torrente Cervaro: sigilli al maxi depuratore

Articolo successivo

Foggia, Nicastro: "I gol non sono un'ossessione. Pensiamo alla salvezza"