Home»Cronaca»Armi clandestine e munizioni: un altro colpo messo a segno dai Carabinieri Cacciatori

Armi clandestine e munizioni: un altro colpo messo a segno dai Carabinieri Cacciatori

I Carabinieri hanno tratto in arresto Palena Raffaele

I Carabinieri della Compagnia di Manfredonia, con il supporto di numerosi altre componenti del Comando Provinciale di Foggia, dei Carabinieri Cacciatori di “Calabria” e “Sardegna”, di personale dell’11° Battaglione Carabinieri “Puglia”, del 6° Nucleo Elicotteri di Bari e del Nucleo Cinofili di Modugno, hanno dato corso ad un’estesa operazione di polizia sul territorio del comune di Monte Sant’Angelo.

Nel corso dell’operazione è stato tratto in arresto, in flagranza di reato, il pregiudicato 24enne PALENA Raffaele, con le accuse di detenzione a fine di spaccio di sostanza stupefacente del tipo “marijuana” e detenzione illegale di arma clandestina e munizioni. In particolare, nel corso della perquisizione nell’abitazione dell’arrestato, nel lavabo del bagno è stato immediatamente rinvenuto un involucro di cellophane contenente un grammo circa di cocaina. Le attività, estese all’interno condominio, hanno poi consentito di trovare, nascoste sotto alcune tegole del tetto e all’interno di una grondaia, 21 cartucce da caccia cal. 12 e 20 cartucce per pistola calibro 40. All’interno del garage, nella materiale disponibilità del PALENA, invece, all’interno di uno dei cassetti di un comò lì riposto, è stato scovato un fucile sovrapposto calibro 9, con matricola punzonata, oltre a una busta contenente un chilo circa di mariijuana e un bustone con altre nove buste già termosaldate, contenenti ciascuna circa 100 grammi della stessa sostanza.

Stante la flagranza del reato e l’inequivocabile chiarezza delle sue responsabilità, PALENA Raffaele, già gravato da precedenti specifici in materia di armi e droga, è stato dichiarato in stato di arresto e, al termine delle formalità, tradotto presso il carcere di Foggia, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Le attività di perquisizione e rastrellamento, estese anche ad altri edifici e masserie del territorio di Monte Sant’Angelo, sono proseguite, consentendo di rinvenire, inoltre, ben occultate in aree demaniali difficilmente raggiungibili, ma poste nei pressi di talune abitazioni di interesse:
– 88 cartucce calibro 7.65;
– 6 cartucce calibro 9;
– 6 cartucce da caccia calibro 12;
– 2 guance di plastica per impugnatura di pistola;
– una busta contenente esplosivo da cava per un peso di kg 6, con 4 detonatori e una miccia a lenta combustione di quasi 5 metri.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

GranCabaret: Renato Ciardo al GrandApulia

Articolo successivo

Custodiva Marijuana e un fucile clandestino: arrestato 24enne