Home»Cronaca»Altra aggressione al Pronto Soccorso di Cerignola

Altra aggressione al Pronto Soccorso di Cerignola

Il Direttore Generale della ASL Foggia, Vito Piazzolla, esprime vicinanza e solidarietà agli operatori vittime di una vile aggressione mentre erano in servizio presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale “Tatarella” di Cerignola

Il Direttore Generale della ASL Foggia, Vito Piazzolla, esprime vicinanza e solidarietà, anche a nome di tutta l’Azienda Sanitaria, agli operatori vittime di una vile aggressione mentre erano in servizio presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale “Tatarella” di Cerignola.

Si tratta – ha detto Piazzolla – dell’ennesimo, gravissimo episodio, assolutamente ingiustificato che non può non trovare la ferma condanna di tutti”.

Sono in corso accertamenti sulla dinamica dei fatti. Dalla relazione redatta dal personale di turno al momento dell’aggressione è emerso che venerdì sera una donna novantaduenne, dimessa il giorno precedente dopo nove giorni di ricovero, è giunta al Pronto Soccorso, accompagnata dall’ambulanza del 118. Dopo averla visitata, la dottoressa in servizio, che già ne conosceva il quadro clinico, non ha ritenuto necessario il ricovero essendo la paziente in condizioni stabili.

Non soddisfatti della diagnosi, i familiari hanno minacciato e tentato di aggredire fisicamente la dottoressa e l’infermiere arrivato in suo soccorso. Il sopraggiungere di due ausiliari e della guardia giurata ha scongiurato conseguenze peggiori.

Allertate le forze dell’ordine e i responsabili aziendali, è stato necessario interrompere le visite nella sala dei codici rossi.

È inaccettabile – ha concluso il Direttore Generale – che personale sanitario, chiamato a svolgere una delicata funzione al servizio della tutela della salute, debba temere continuamente per la propria incolumità. Il mio ringraziamento va alle forze di polizia per l’intervento come sempre tempestivo. Auspichiamo, tuttavia, una presenza fissa che possa garantire la giusta tranquillità agli operatori. Ne ho fatto richiesta al prefetto la scorsa settimana. Tornerò a farlo in un incontro che avremo a breve. Il mio intento è rasserenare il personale in quanto stiamo facendo tutto il necessario per scongiurare il ripetersi di tali aggressioni”.

La Direzione Strategica, intanto, ha garantito che l’Azienda fornirà tutte le tutele legali e si costituirà parte civile nell’eventuale procedimento a carico degli aggressori.

 

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Concorsi truccati: coinvolto anche un docente dell'Università di Foggia

Articolo successivo

Buck Festival 2017, la VII edizione "Onda su onda"