Home»Cronaca»Allacci abusivi e stupefacenti: fermato lucerino

Allacci abusivi e stupefacenti: fermato lucerino

Ha provato per la seconda volta ad allacciarsi abusivamente all'illuminazione comunale, anche questa volta è stato smascherato

Ha provato per la seconda volta ad allacciarsi abusivamente all’illuminazione comunale, anche questa volta è stato smascherato

Nella mattinata di ieri i Carabinieri della Compagnia di Lucera hanno tratto in arresto Giuseppe Capobianco, 42enne del posto già gravato da precedenti di polizia, perché ritenuto responsabile dei reati di detenzione illecita di sostanze stupefacenti e furto di energia elettrica.

I militari, nel sottoporre l’uomo ad un normale controllo durante un servizio nel centro storico, si sono insospettiti per il suo atteggiamento particolarmente teso, apparentemente senza motivo, ed hanno deciso di svolgere una verifica più approfondita. La perquisizione è quindi stata estesa anche alla sua abitazione, ed è stato proprio qui che i Carabinieri hanno capito il motivi di tanta agitazione. Il 42enne, infatti, è stato trovato in possesso di circa 20 grammi di cocaina purissima, nascosta nella sua camera da letto, dietro un televisore.

Nella stessa stanza sono stati trovati anche due bilancini di precisione, alcune bustine di cellophane e un termosaldatore portatile, utili per il confezionamento dello stupefacente.

Poco prima di allontanarsi dalla casa, i Carabinieri hanno poi notato anche un’anomalia del contatore ENEL, che aveva acceso il led che normalmente ne segnala il malfunzionamento, nonostante le luci funzionassero regolarmente. È stato così accertato che l’uomo, peraltro esperto di elettrotecnica, aveva realizzato un allaccio abusivo all’illuminazione pubblica.

Capobianco è stato così accompagnato presso la caserma di Via San Domenico per tutti gli accertamenti del caso e dove, alla luce delle evidenze raccolte, è stato dichiarato in arresto.

Su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia il 42enne è stato posto agli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Valeria D'Amico vince il Premio Nazionale di Poesia

Articolo successivo

Ancora guai per l'aggressore di San Ferdinando di Puglia