Home»Cronaca»Ha un malore ma manca l’ambulanza: 27enne in gravi condizioni

Ha un malore ma manca l’ambulanza: 27enne in gravi condizioni

“Non si può rischiare la vita a 27 anni. Ora basta, su un territorio come quello dei Monti Dauni, difficile e sempre più isolato, servono risorse per la sanità": l'appello del sindaco di Alberona dopo la tragedia di ieri.

“Non si può rischiare la vita a 27 anni. Ora basta, su un territorio come quello dei Monti Dauni, difficile e sempre più isolato, servono risorse per la sanità, più mezzi e più personale per l’emergenza – urgenza e soprattutto più prevenzione”.

Così il sindaco di Alberona, Tonino Fucci, che si rivolge al Prefetto e al presidente regionale, Michele Emiliano, dopo che ieri un giovane di 27 anni è stato colto da malore nelle prime ore del mattino, ed ora ricoverato in gravi condizioni all’Ospedale di Foggia. “Come comunità siamo vicini al nostro giovane concittadino, alla sua famiglia va la nostra solidarietà – dice Fucci – ma sono cosciente che ciò non può bastare di fronte al dramma che la famiglia sta vivendo. La gravità di quanto accaduto ieri mattina ad Alberona mi impone, in qualità di sindaco e primo responsabile sanitario del territorio comunale, una netta e dura presa di posizione nei confronti di chi gestisce e coordina l’intera macchina sanitaria, non solo da un punto di vista logistico, ma anche politico. E’ inammissibile che su un territorio montano, come quello dei Monti Dauni sia completamente assente il benché minimo servizio di prevenzione e, per un comune come Alberona, – continua il primo cittadino – il soccorso del 118 sia garantito da un’ambulanza non medicalizzata proveniente da Roseto e da un’automedica (con personale sanitario) proveniente da Volturino. Se uno dei due mezzi arriva in ritardo, per oggettive cause di forza maggiore, quali esiguità di mezzi e di personale a disposizione, o già impegnato in altri interventi, viabilità dissestata, condizioni meteorologiche difficilissime d’inverno, si rischia di compromettere lo stesso intervento sanitario di urgenza”.

“Quel che è accaduto oggi è l’ennesima prova di quanto sia sempre più difficile vivere in un piccolo comune dei Monti dauni – commenta il sindaco. Chi abita questo spicchio di territorio andrebbe premiato, invece è costantemente punito. Da anni, con gli altri sindaci, siamo in prima linea nel chiedere all’ASL e alla Regione di migliorare i servizi sanitari, non solo evitando la chiusura del Lastaria, presidio importantissimo per le nostre comunità, ma anche rafforzando la medicina territoriale e i servizi di prevenzione, indispensabili per zone del Paese dove aumenta costantemente la popolazione anziana e, potenziando proprio l’emergenza -urgenza. Ora mi sento obbligato – il suo appello finale – a richiamare , per l’ennesima volta, l’attenzione del direttore generale dell’ASL, Vito Piazzolla, del prefetto, Maria Tirone e del presidente della Regione, Michele Emiliano, perché mettano in atto tutto quanto possibile e con estrema urgenza (mezzi, risorse e personale specializzato) onde evitare che ancora accada sul territorio del Comune di Alberona, e in generale dei Monti Dauni, quanto avvenuto ieri”.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
1
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

A Carpino sinergia scuola-aziende per educare all'alimentazione sana e tradizionale

Articolo successivo

Lecce-Foggia anticipata alle 18 di domenica 22 maggio. De Zerbi: «Sarà battaglia»