Home»Cronaca»Aipa, avviso di garanzia a Franco Landella. Il sindaco: «Piena fiducia nei magistrati»

Aipa, avviso di garanzia a Franco Landella. Il sindaco: «Piena fiducia nei magistrati»

Il sindaco di Foggia, Franco Landella, ha ricevuto un avviso di garanzia nell'ambito dell'inchiesta sull'Aipa, l'azienda di riscossione dei tributi. Con lui indagate altre 5 persone con l'accusa di peculato.

Il sindaco di Foggia, Franco Landella, ha ricevuto un avviso di garanzia nell’ambito dell’inchiesta sull’Aipa, l’azienda di riscossione dei tributi. Assieme a lui sono indagate altre cinque persone: Maurizio Guadagno, segretario generale, Ernesto Festa e Claudio Taggio, dirigenti, Giulio Raimondi, funzionario dell’ufficio Contratti e Appalti, e il presidente di Aipa Luigi Virgilio, accusati a vario titolo di concorso in peculato.

L’Aipa è da mesi al centro delle indagini. Secondo gli inquirenti, avrebbe applicato l’articolo 16 del “Capitolato speciale d’oneri” in maniera impropria, trattenendo circa 9 milioni di euro (poi sequestrati dalla Guardia di Finanza) come “aggio” per la riscossione dell’Imu e dalla Tares. Dopo una serie di ricorsi incrociati, la Cassazione ha stabilito che le indagini possono proseguire. Ora l’avviso di garanzia al sindaco di Foggia, Franco Landella, che dichiara: «Esprimo piena fiducia nel lavoro di indagine condotto dalla magistratura sulla vicenda inerente il rapporto tra il Comune di Foggia ed Aipa SpA, con riferimento al servizio di accertamento e riscossione dei tributi».

Avviso di garanzia a Franco Landella, il sindaco: «Piena fiducia nell’operato dei magistrati»

«La richiesta di proroga delle indagini avanzata dai sostituti procuratori Landi e Fini  – spiega ancora Franco Landella –  costituisce un atto dovuto, rispetto al quale sono estremamente sereno, essendo stata la mia condotta assolutamente lineare ed esercitata con senso di responsabilità nell’interesse collettivo, soprattutto in ordine alle anomalie contrattuali ereditate dalla precedente amministrazione comunale e da me per primo evidenziate, in particolare per ciò che riguarda l’onerosità del contratto a carico dell’ente di Palazzo di Città».

AIPA S.p.A. è il concessionario per l’accertamento e la riscossione delle entrate tributarie, extratributarie e patrimoniali della città di Foggia. La società, con contratto d’affitto, aveva consentito alla Mazal Global Solutions Srl di subentare dal 1° luglio 2015 in tutte le concessioni relative all’attività di accertamento e riscossione delle entrate locali. Di recente, però, il comune aveva deciso di riscuotere da solo i propri tributi, decisione che aveva attirato numerose critiche sul sindaco Franco Landella.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Teatro Umberto Giordano, la vera storia di una pietra miliare di Foggia

Articolo successivo

The Voice of Italy, i foggiani iWolf in semifinale