Home»Cronaca»Il 25 Ottobre 2004 l’omicidio di Leonardo Biagini.

Il 25 Ottobre 2004 l’omicidio di Leonardo Biagini.

Il 25 Ottobre 2004 perse la vita Leonardo Biagini, consigliere comunale di Alleanza Nazionale e autista dell'ATAF, ucciso da sei colpi di pistola all'interno del suo circolo politico mentre si trovava insieme al noto pregiudicato Antonio Catalano

Il 25 Ottobre 2004 perse la vita Leonardo Biagini, consigliere comunale di Alleanza Nazionale e autista dell’ATAF, ucciso da sei colpi di pistola all’interno del suo circolo politico mentre si trovava insieme al noto pregiudicato Antonio Catalano, quest’ultimo ferito di striscio ad una coscia destra.

Ecco cosa scrisse la Gazzetta del Mezzogiorno (articolo tratto da manganofoggia.it):

FOGGIA – Un consigliere comunale di opposizione di AN, Leonardo Biagini, 38 anni, autista dell’ATAF, è stato ammazzato a colpi di pistola in un agguato avvenuto alle 19,30 nel suo circolo privato “Riva destra”, di viale Di Vittorio 111.

Nell’agguato è rimasto ferito di striscio alla gamba destra, Antonio Catalano, 42 anni, che da qualche mese frequentava l’esponente politico. Il che è stato oggetto ovviamente anche di annotazioni da parte delle forze dell’ordine.

A sparare secondo una prima sommaria ricostruzione di carabinieri e squadra mobile è stato un solo killer che ha agito a volto coperto da passamontagna ed armato di pistola forse una calibro 38.

Erano le 19,30 e nel circolo c’erano alcune persone quando il sicario è sceso da un’auto grigia – una Uno – sulla quale pare ci fossero altri due complici: l’auto è stata abbandonata ad alcune centinaia di metri dal luogo del delitto. Sarebbero stati cinque i colpi esplosi. Al momento si sta verificando chi fosse il vero obiettivo dell’agguato: se Biagini raggiunto da due colpi di pistola al petto e al braccio oppure Catalano colpito di striscio ad una gamba.

L’ambulanza del 118 ha trasportato Biagini e Catalano in ospedale dove il consigliere comunale è deceduto intorno alle 20,20 in sala di rianimazione. Il luogo del delitto è stato sigillato per i rilievi di polizia scientifica, le persone presenti al momento dell’agguato sono state accompagnate in caserma per essere interrogate e cercare di ricostruire la dinamica del dodicesimo omicidio dall’inizio dell’anno in Capitanata, il terzo a Foggia.

L’agguato desta clamore perchè è la prima volta che cade sotto i colpi della malavita un esponente politico, anche se nel recente passato un assessore e un consigliere comunale erano finiti nel mirino di ignoti malavitosi, vittime di avvertimenti e attentati dinamitardi.

Chi e perchè ha ucciso Leonardo Biagini, secondo degli eletti nelle file di AN alle elezioni amministrative di giugno, fratello di Fernando, capo dell’ufficio tecnico comunale? L’assassinio di ieri sera – in attesa di verificare se fosse davvero lui l’obiettivo – è in qualche modo collegato all’attività di consigliere d’opposizione?

Sono gli interrogativi al vaglio di pm e investigatori, così come ci si intyerroga ovviamente sulla vicinanza tra la vittima e il malavitoso rimasto ferito. Antonio Catalano, già condannato in passato per armi e droga è stato assolto nell’aprile scorso dall’accusa di associazione mafiosa nel processo “Double edge” relativo alla penultima guerra di mafia (98-99) che vedeva contrapposti i clan Prencipe-Trisciuoglio e quello di Antonio Pellegrino al quale era ritenuto vicino.

Antonio Catalano è fratello di Marcello, presunto mafioso assassinato insieme all’amico Francesco Viscillo in un duplice omicidio del maggio 99 in via Manzoni collegato alla guerra di mafia: qualche mese più tardi proprio Antonio Catalano fu arrestato mentre era in semilibertà e mentre rientrava al carcere di Foggia a bordo di un’auto blindata nella quale nascondeva una pistola. Disse che temeva per la sua vita, visto quanto successo al fratello.

Che Catalano si accompagnasse a Biagini era stato oggetto, ovviamente, anche delle attenzioni delle forze dell’ordine che – come si è detto – avevano verificato questa circostanza in occasione delle ultime elezioni politiche. Catalano peraltro è uno dei portavoce delle istanze degli abitanti dell’Onpi (dove vive) nella trattativa col Comune per la ristrutturazione dell’edificio.

____________________

Il 19 aprile del 2011 è stato intitolato alla memoria di Leonardo Biagini, un parco tra viale Europa e viale Francia

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
1
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

"Accummugghje e scummugghje": il 29 e 30/10 al Teatro Regio di Capitanata tornano Norillo e Mancini per la 16a stagione Enarché.

Articolo successivo

Giovedì inaugurazione del mega store "Globo"