Home»Cronaca»Boom di abbandoni a Foggia: sempre più cani cercano casa

Boom di abbandoni a Foggia: sempre più cani cercano casa

Siamo sicuri che in uno Stato civile queste cose non dovrebbero mai accadere. Gli animali non sono spazzatura da buttar via nei cassonetti, non sono oggetti, servirebbe meno crudeltà e più civiltà

Foggia – Negli ultimi giorni molti cuccioli sono stati barbaramente abbandonati come fossero spazzatura. “È una vergogna”, urlano dall’associazione “A largo raggio” di Foggia.

“I cittadini chiedono aiuto ai volontari. E a noi volontari chi ci aiuta? Chi paga le pensioni? Chi paga le cure? Il cibo? Sempre la stessa storia. Come i cani, anche noi siamo abbandonati a noi stessi. Randagismo alle stelle. Nessun piano serio di sterilizzazioni a tappeto”, queste le forti parole dei volontari che, soprattutto negli ultimi giorni, si trovano a fare i conti con una pesante emergenza randagismo e abbandoni.

A Foggia è emergenza abbandoni, tantissimi cuccioli stanno cercando disperatamente casa, una famiglia amorevole e una seconda possibilità per vivere una vita dignitosa. Purtroppo la nostra città è abituata a tristi casi di abbandoni come quello avvenuto domenica 3 febbraio. Le telecamere di una famiglia riprendono un uomo che lascia davanti al portone di una palazzina un sacchetto bianco come quelli della spazzatura, dentro però ci sono quattro cuccioli.

Negli ultimi anni, in Italia, c’è un un terribile aumento del numero dei cani abbandonati, soesso cuccioli. Numeri allarmanti che fanno rabbrividire. Alcune fonti parlano di circa 50.000 cani abbandonati in un anno (e di 80.000 gatti). Vogliamo ricordare che in Italia l’abbandono degli animali domestici è vietato i sensi dell’art. 727 del codice penale, primo comma: “Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro”.

Siamo sicuri che in uno Stato civile queste cose non dovrebbero mai accadere. Gli animali non sono spazzatura da buttar via nei cassonetti, non sono oggetti, servirebbe meno crudeltà e più civiltà.

 

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Presentata la 2^ edizione di Terrarancia che ruoterà sul tema “Amore di Cioccolato”

Articolo successivo

Accordo Foggia-Gran Bretagna: il pomodoro della Pinces sarà esportato

Nessun commento

Lascia un commento