Home»Attualità»In arrivo 294 nuovi autobus più tecnologici e confortevoli per i pendolari pugliesi

In arrivo 294 nuovi autobus più tecnologici e confortevoli per i pendolari pugliesi

Tecnologicamente molto avanzati, oltre che sicuri, confortevoli e dotati di pratico accesso per i disabili

Finalmente un’importante novità per la regione che potrebbe segnare un decisivo miglioramento dei trasporti. Stiamo parlando di una vera e propria flotta di ben 294 nuovi autobus che entro la fine dell’anno saranno operativi tra le strade pugliesi.

Tecnologicamente molto avanzati, oltre che sicuri, confortevoli e dotati di pratico accesso per i disabili. Un vero e proprio cambiamento per la Puglia, come ha sostenuto l’assessore regionale ai trasporti, Gianni Giannini, con il presidente del Cotrap Giuseppe Francesco Vinella nel corso della presentazione dei nuovi bus del trasporto pubblico locale alla Fiera del Levante di Bari il 27 settembre.

«Abbiamo avviato da tempo una rivoluzione nel trasporto pubblico locale. Abbiamo finanziato l’acquisto di 400 bus nuovi e questi 294 – ha spiegato Giannini – ne sono un esempio. Ci sono 68 milioni di euro per l’acquisto di ulteriori bus nel trasporto urbano. Stiamo procedendo anche con gli investimenti nel settore ferroviario con 46 treni nuovi per Trenitalia e un altra trentina per le ferrovie in connessione. Qualificata così in meglio l’offerta ci concentreremo ora – ha concluso Giannini – sulla domanda. Va cambiata la mentalità e si deve necessariamente tener presente il rapporto tra ricavi e costi che per il 35% deve venire dai biglietti».

Entro la fine del 2018 quasi 300 nuovi e moderni autobus, a bassissimo tasso inquinante, circoleranno sulle strade pugliesi.

 

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Domani si inaugura "Mònde - Festa del Cinema sui Cammini": ci saranno Eugenio Bennato e Valeria Solarino

Articolo successivo

Passo di Corvo, quel villaggio neolitico spiato dall'alto a due passi da casa