Home»Attualità»Apricena, premiata la donna più longeva d’Europa: Maria ha 115 anni e da 40 è iscritta al sindacato

Apricena, premiata la donna più longeva d’Europa: Maria ha 115 anni e da 40 è iscritta al sindacato

Premiata dal sindacato una delle donne più longeve del mondo

Apricena – Maria Giuseppa Robucci è una delle donne più longeve del mondo: ha 115 anni e da ben 40 anni è iscritta al sindacato. Martedì 4 settembre è stata premiata dallo SPI Cgil, il sindacato dei pensionati italiani, durante il congresso della sub-lega di Apricena.

L’anziana di Apricena è la seconda persona vivente più anziana nel mondo e dal 6 luglio 2018 porta il titolo di decana d’Europa e d’Italia, dopo la morte di Giuseppina Projetto. Nata nata a Poggio Imperiale in provincia di Foggia e in passato si è occupata del bar del paese assieme al marito Nicola Nargiso, morto nel 1982. Nel 2003 al compimento dei 100 anni è stata invitata alla trasmissione su Rai Uno La vita in diretta.

Il sindacato ha conferito un riconoscimento anche ad un’altra donna da record: Rosa Tartaglione, 102 anni, iscritta allo Spi Cgil da quando ne aveva 70. Con le due donne anche Michele Campagna, attuale e storico segretario della sub Lega di Apricena: “Il suo lavoro nel sindacato è un esempio per tutti, grazie al suo impegno volontario, instancabile, alla sua concreta vicinanza e assistenza gratuita a lavoratori e pensionati”, ha detto Franco Persiano, segretario generale SPI Cgil Foggia consegnando una semplice targa.

“Oggi abbiamo voluto premiare loro, Maria Giuseppa, Rosa, Michele, perché sono i portabandiera dell’impegno prima nel mondo del lavoro poi a sostegno dei diritti di lavoratori, disoccupati e pensionati”, ha aggiunto Persiano. Premiato, infine, Giuseppe Rendina, segretario della Camera del Lavoro di Apricena negli anni ’70, storico dirigente nelle fila della Cgil per decenni.

Fonte La Repubblica

 

 

 

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Erasmus, l’Università di Foggia si aggiudica un importante progetto che coinvolge 5 Paesi dell’Est Europa

Articolo successivo

Niente da fare per l'operaio caduto dall'impalcatura

Nessun commento

Lascia un commento