AK-47, munizioni e giubbotti antiproiettile in una casa: la scoperta dei Carabinieri

Una scoperta che pone non pochi interrogativi agli investigatori dell’Arma ...

Foggia Reporter

Una scoperta che pone non pochi interrogativi agli investigatori dell’Arma quella effettuata dai Carabinieri della Compagnia di Cerignola all’interno di un’abitazione abbandonata e ormai fatiscente di Stornara, dove nel pomeriggio di ieri i militari hanno rinvenuto un fucile d'assalto “kalashnikov” AK-47 perfettamente funzionante e ben oliato, 70 cartucce cal. 7,62, due ricetrasmittenti, 3 giubbotti antiproiettile e una sega circolare a scoppio, verosimilmente di provenienza delittuosa.

Insomma, tutto ciò che normalmente viene usato dalle varie bande presenti sul territorio di Cerignola e comuni limitrofi per assaltare furgoni portavalori e caveaux. I Carabinieri, dopo aver acquisito una circostanziata notizia circa la presenza di tutto quanto poi effettivamente rinvenuto e posto sotto sequestro a carico di ignoti, hanno deciso di fare una verifica all’interno dell’immobile. Ed effettivamente l’arma, con il relativo munizionamento, è stata trovata ben nascosta all’interno di una tapparella, mentre tutto il restante materiale è stato trovato all’interno di una botola posta nell’area antistante l’immobile. Tutto quanto sequestrato verrà immediatamente inviato al R.I.S. di Roma per gli accertamenti tecnici, in particolare per accertarne l’utilizzo o meno in azioni delittuose.