Attualità

1 maggio, il discorso di Mattarella: “È ora di ripartire. Il governo dia indicazioni chiare”

“Viviamo questo Primo maggio con il pensiero all’Italia che vuole costruire il suo domani. Non ci può essere Repubblica senza lavoro, come afferma solennemente il primo articolo della nostra Costituzione. Perché il lavoro è condizione di libertà, di dignità e di autonomia per le persone”.

Ripartenza, prudenza e chiarezza, queste le parole cardine del discorso del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per il 1° Maggio.

“Non vanno resi vani i sacrifici fatti sin qui se vogliamo assieme riconquistare, senza essere costretti a passi indietro, condizioni di crescente serenità.

Non va dimenticata l’angoscia delle settimane precedenti, sotto la violenta e veloce aggressione del virus, né che abbiamo superato i 200mila contagi e che ogni giorno dobbiamo piangere alcune centinaia di vittime.

Questo richiede un responsabile clima di leale collaborazione tra le istituzioni e nelle istituzioni.

So che possiamo fare affidamento sul senso di responsabilità dei nostri concittadini – manifestato in questo periodo in misura ammirevole dalla loro quasi totalità – perché nelle nuove condizioni, ci si contini a comportare con la necessaria prudenza”.

Mattarella ha voluto rivolgere un messaggio agli italiani che da due mesi vivono una condizione mai vista prima, quella di confinamento e convivenza con il Coronavirus.

Nella giornata in cui si celebra l’importanza del lavoro, Mattarella si rivolge anche alla politica chiedendo chiarezza dal governo: “Sono necessarie indicazioni, ragionevoli e chiare, da parte delle istituzioni di governo”.

“L’Italia sta attraversando un passaggio d’epoca pieno di difficoltà. La ripresa è possibile perché nei quasi due mesi precedenti siamo riusciti ad attenuare molto la pericolosità dell’epidemia.

Dobbiamo difendere questo risultato a tutela della nostra salute”, continua il capo dello Stato preoccupato da un possibile “liberi tutti” dal 4 maggio.

E ancora: “La battuta d’arresto che abbiamo subito spinge ad accelerare la strada verso un cambiamento che sappia valorizzare e non subire fenomeni come la globalizzazione e la digitalizzazione dell’economia, con scelte lungimiranti, cui possono con efficacia contribuire le importanti decisioni già assunte e in corso di definizione da parte della Unione europea”.

Fonte: Ansa

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.

Articoli correlati

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock