Home»Sport»Stroppa: “La squadra è incazzata. Presto ci toglieremo soddisfazioni”

Stroppa: “La squadra è incazzata. Presto ci toglieremo soddisfazioni”

Conferenza stampa di Giovanni Stroppa alla vigilia di Foggia-Perugia

Conferenza stampa di Giovanni Stroppa alla vigilia di Foggia-Perugia. Ecco le parole dell’allenatore rossonero.

“La squadra l’ho trovata incazzata, non posso imputare nulla ai ragazzi. Ad Empoli abbiamo concesso 15 minuti e stiamo stati puniti, brucia perdere in quel modo dopo aver fatto un gran primo tempo. In questo momento abbiamo il coltello tra i denti, i tre gol di Empoli ci hanno acceso una scintilla che forse prima non c’era. I gol subiti su palle inattive?  A livello di centimetri, forse paghiamo qualcosa in questa categoria. Ma non è questa la questione, se non vuoi farti saltare in mezzo al campo, non ti saltano. E’ solo una questione di atteggiamento individuale. Beretta? Sono contento che stia facendo bene perchè è un ragazzo che ho voluto fortemente. Ha dimostrato di essere all’altezza di indossare questa maglia. Ha fatto l’esterno anche ad Avellino e a Vercelli in carriera, può giocare anche in quella posizione. Anche Calderini meriterebbe di giocare per quanto sta dimostrando. Vacca? La partita di domenica scorsa è stata ottima sotto tutti gli aspetti. Sta incominciando a giocare anche sul lungo, cosa che non gli avevo visto fare lo scorso anno con continuità. Non è in grado di giocare solo sul corto. Sul piano fisico è uno dei più dinamici, sembra che non corra, ma è impressionante la capacità di corsa e i metri fatti finora. Noi abbiamo una foto di Antonio della scorsa stagione, imprescindibile e fuoriclasse assoluto. Quest’anno ha pagato un po’ giocando con qualche tocco in più, ma sta tornando prepotentemente ai suoi livelli.

Se mi aspettavo queste difficoltà iniziali? Al contrario, per come è andata la stagione, credevo di far più fatica in questo campionato. La squadra la vedo come nella stagione scorsa. Se girerà qualcosa come deve girare, ci toglieremo le nostre soddisfazioni. Basta poco, perché la classifica è corta e mancano 34 giornate. Non ci sono i presupposti per fasciarsi la testa.

Perugia? Il 5-1 di domenica scorsa non è indicativo. Anche in dieci hanno continuato a giocare. Hanno grandi individualità in fase offensiva. In fase difensiva però concedono qualcosa, potrei mettere Foggia e Perugia sulla stessa bilancia.”

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Anziano colto da malore in casa: poliziotti intervengono e gli salvano la vita

Articolo successivo

Tentata estorsione aggravata: in manette Rocco Moretti e un suo complice

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *